loader image

PAST

Ziggurat by Massimiliano Maggio , Birth of an Icon

(INSIDE interview-2020)

 

 “Al mio caro Amico Nunzio, che mi diede quel foglio bianco, sul quale la mia folle mano disegnò il primo biliardo Ziggurat. E’ ancora l’orgoglioso proprietario di un pezzo unico, il numero 1, da me realizzato” MM

Come ci si sente ad essere l’autore del biliardo di design più famoso al mondo?

Non mi aspettavo che il design di questo tavolo sarebbe diventato tanto popolare; di fatto il biliardo Ziggurat è il modello più apprezzato di tutti i tempi nel mondo, nonchè il più copiato. A quel tempo, comunque, pensavo solo a realizzare qualcosa di nuovo, imprevedibile… ero talmente eccitato all’idea.

Perchè lo Ziggurat?

“Nel 2003, un cliente mi chiese di realizzare un pezzo unico per la sua villa. Cercava un biliardo e io ero piuttosto conosciuto nell’ambito del biliardo di design a quel tempo. 

Le mie collezioni City e Kokà erano già sul mercato, con più di venti modelli differenti ( tutti trasformabili in tavolo da pranzo) e finiture personalizzabili. Era un mio tratto distintivo quello di coniugare le richieste dei clienti con la precisione le le proporzioni matematiche legate al rigore scientifico che determina la produzione di un oggetto come il biliardo…

Questo cliente era diverso: non sarebbe stato soddisfatto solo con una personalizzazione nelle finiture. Cercava un oggetto unico, disegnato solo per lui, qualcosa di mai visto prima. Aveva questa sala immensa, con una vista mozzafiato sul golfo di Napoli che aspettava solo me! Una sfida irresistibile… mi regalò quel foglio bianco sul quale disegnare un’idea da trasformare in biliardo… non aveva prezzo.

Ho iniziato con questa immagine nella mia mente, di quella sala immensa accarezzata dalle onde del mare. Maestoso e in movimento nello stesso tempo, in grado di espandere la prospettiva dello spettatore in un movimento eterno. Io nasco, per chi mi conosce, in una famiglia di storica tradizione nella produzione del biliardo e sono cresciuto nella fabbrica di famiglia, perciò posso dire che i biliardi davvero non hanno segreti per me: una volta progettata la parte meccanica e il cuore tecnologico, la veste estetica viene da sè. Questa volta era diverso: volevo creare del movimento in uno strumento per sua natura statico.

Volevo qualcosa di nuovo, imprevedibile. L’idea alla base era la rappresentazione di una scala in torsione che fosse speculare e desse l’impressione di un movimento infinito verso l’alto e il basso. I templi della Mesopotamia mi ispirarono questo concetto, per questo il nome Ziggurat mi sembrò appropriato. Venni fuori con 14 pannelli in alluminio ( scelsi il metallo a tutti i costi perchè inizialmente avevo paura non reggesse, ahaha); assemblai i pannelli e li lucidai con le mie mani uno ad uno. Ho maledetto quei pannelli ogni singolo giorno per almeno due mesi e mi dissi che, finito quello non ne avrei più voluto sapere per tutta la vita, ahaha… alla fine, era lì: maestoso, leggero, una macchina perfetta. Era il 2004, nasceva il primo Ziggurat. Il mio primo, adagiato in una sala immensa e bellissima, che guardava il golfo di Napoli, accarezzato dalle onde del mare. Ero innamorato.

Read the full article INSIDE MAGAZINE Interview- Massimiliano Maggio, a Legend is Born

Watch full video BIRTH OF AN ICON